1513219_602543673133858_746288069_nIl percorso di Nuda è lungo, anzi lunghissimo. Ho scritto i primi racconti erotici a 25 anni, mentre la mia prima storia d’amore finiva e io non sapevo immaginarmi un futuro diverso. Ogni tanto li mandavo a qualche concorso, con poche speranze ma molta curiosità di vedere se succedeva qualcosa, fino a quando Sarah Sajetti (la curatrice della collana QL2) mi ha detto che le piacevano, e che per poterli pubblicare avrei dovuto scriverne altri. Nel frattempo erano passati quasi dieci anni.

La scrittura erotica è un bel percorso da affrontare, raccontare il proprio immaginarlo e renderlo pubblico è un atto di coraggio che restituisce più di quanto chieda. In due anni ho fatto più di venti presentazioni, in luoghi e contesti diversisismi. Dalle Case delle Donne ai circolini, dalle librerie ai caffè letterari, dal pubblico misto alle lesbiche separatiste, incontrare la gente e parlare di ciò che è per me erotismo è stato via via sempre più semplice. Anche quello che pensavo in merito è cambiato tanto, me ne sono accorta dalle cose che dicevo durante le presentazioni: quelle che all’inizio erano certezze, alla fine sono diventati grossi dubbi, e viceversa. Ma quello è stato l’incontro con il femminismo, ed è tutta un’altra storia.

Leggi l’intervista su LezPop.

Guarda il video di alcune presentazioni.

L’ebook si trova qui.